Borsa moto: tipi e utilizzi

Borsa moto: tipi e utilizzi

Viaggio breve per il lavoro, viaggio lungo per andare in vacanza? Doppio casco per un passeggero in più o piuttosto bagagli per due settimane al mare? I motivi per cui si arriva a considerare l’acquisto delle borse da moto sono tanti e portano a tante soluzioni diverse.

Vedremo insieme che tipi di borse ci sono in commercio e quali sono le differenze, come fare la scelta, che parametri considerare, a seconda dell’utilizzo, del gusto, dei materiali e del budget.

Cosa bisogna sapere prima di comprare

Esistono vari modelli di borse moto: le borse più piccole sono quelle da allacciare alla coscia, per mettere chiavi, portafogli e altri piccoli oggetti che si desiderano a portata di mano, quando magari si indossa una giacca pesante che impedirebbe un facile accesso alle tasche.

Un modello più grande, ma sempre portatile, è la sacca moto che si può fissare alla sella facilmente e altrettanto facilmente staccare. In questo caso, è come portare uno zaino in schiena, appoggiandolo però alla sella.

Poi ci sono borse da viaggio per moto, più ampie per contenere i bagagli di una vacanza corta per un paio di persone. Qui il mercato si sbizzarrisce, con modelli morbidi o rigidi, centrali o laterali, di materiali e consistenze diverse (di conseguenza anche con fasce di prezzo diverse).

Le borse laterali

Borse laterali morbide moto

Le borse laterali morbide per moto sono modelli leggeri ma capienti, sono facili da installare e rendono il viaggio più comodo. Rispetto ai modelli rigidi costano di meno e si smontano con facilità, quindi una volta arrivati a destinazione si può viaggiare anche senza, lasciando tutto il bagaglio nella camera d’albergo.

Uno svantaggio delle borse morbide per moto senza telaietti è che proteggono meno dal tentativo di furto, per cui bisogna sempre tener d’occhio il mezzo, ad esempio durante una fermata all’autogrill. Un altro aspetto da considerare è anche la tenuta rispetto alla pioggia.

Esistono modelli di borse da serbatoio moto che si appoggiano e si fissano più sulla parte anteriore del veicolo. I modelli più economici possono costare anche meno di 100 € e offrire una capacità di una trentina di litri. Sopra ci può essere una tasca, per una mappa o un documento, o il biglietto dell’autostrada, oppure per un navigatore. Si fissano con delle cinghie al manubrio e al telaio.

Modelli di borse da sella moto invece vanno dietro, possono offrire capienze maggiori, anche fino a 50 litri, eventualmente espandibili. Il costo può superare di poco i 100 €, sono dotate di accessori per un fissaggio sicuro e sono pur sempre comode da trasportare.

Valigie rigide in alluminio

Borse laterali moto rigide

Una valida alternativa ai modelli di borse morbide sono le borse rigide per moto. Si tratta di contenitori in plastica o in metallo, spesso in alluminio, che danno maggiore solidità e protezione al contenuto.

Alcune borse moto laterali in plastica sono fatte apposta per un determinato modello, con tanto di pareti sagomate e verniciate che richiamano lo stile della moto e con essa si confondono, sembrando parte del veicolo stesso.

Lo svantaggio iniziale delle borse moto in alluminio è che non si possono semplicemente appoggiare o allacciare al telaio: bisogna prima allestire un telaio ausiliario (telaietto) che si fissa al telaio della moto. Questo crea un aumento del peso complessivo (e anche della spesa).

Le borse laterali per moto rigide hanno un vantaggio anche in termini di impermeabilizzazione. L’acqua è uno dei problemi per chi trasporta bagagli open air, in moto. Una borsa morbida pone il rischio di infiltrazioni, mentre il metallo no, specie l’alluminio, che non è soggetto a ruggine.

Un’ultima osservazione da fare sulla borsa moto rigida è che deve essere dotata di ottime guarnizioni. Infatti i punti di incernieratura costituiscono sempre degli interstizi da cui l’acqua può passare. È sempre meglio proteggere il contenuto con delle ulteriori borsine. Questi modelli, cosiddetti “panzer” per il loro aspetto che richiama un carro armato, possono costare sui 200 €.

Come preparare un bagaglio per la moto

Abbiamo comprato le borse impermeabili per moto e le abbiamo installate, qualunque modello abbiamo scelto, ora c’è un ultimo aspetto da considerare: come si prepara il bagaglio nel modo più efficiente e sicuro?

Ci sono considerazioni che riguardano la distribuzione del peso, specialmente nel caso di borse laterali moto universali, ma anche di posizione, per salvaguardare gli oggetti stessi contenuti.

Come dicevamo, le borse moto posteriori, per quanto siano impermeabilizzate, possono sempre lasciare entrare delle quantità minime di acqua, quindi è sempre meglio proteggere il contenuto con ulteriori borsine di plastica.

All’inizio verrebbe voglia di portare con sé tante cose, ma lo spazio è limitato ed è meglio accettare subito di dover fare qualche piccola rinuncia per godersi meglio il viaggio. La regola numero uno è: rimanere leggeri. Troppo peso comporta anche difficoltà durante il viaggio, non tanto per la moto, ma per i momenti in cui si dovrà trasportare il bagaglio alla moto o dalla moto.

Una volta deciso (o intuito) cosa portare, se la distribuzione del peso lo consente è meglio mettere in fondo gli oggetti che non servono durante il viaggio, come eventuali vestiti di ricambio, lasciando in superficie gli accessori a cui dovremo accedere, come la macchina fotografica, la cartine stradali. Naturalmente bisogna evitare di appoggiare oggetti pesanti su oggetti leggeri a meno che non si usino delle scatole di supporto.

Conclusione

Tra i vari modelli di borse per moto, la scelta dipende dall’utilizzo. Borse da serbatoio per viaggi brevi, valigie in alluminio per le vacanze. La scelta di viaggiare leggeri e la necessità di tenere d’occhio il bagaglio durante le soste, ma soprattutto fare attenzione a impermeabilizzare tutto e… buon viaggio!

    La Sua pagina del profilo è il Suo assistente personale

    Annota le spese dell’auto, con registro e programma di sostituzione, salva materiali preferiti, appunti e documenti