Tutto sull’oscuramento vetri auto

Tutto sull’oscuramento vetri auto

L’oscuramento dei cristalli offre molti vantaggi, infatti sempre più modelli di auto escono già con i vetri oscurati di serie. Oltre agli evidenti vantaggi di privacy, ci sono vantaggi indiretti sia per la salute che per la durata delle finiture interne dell’auto. Vedremo quali sono tutti i vantaggi dell’oscuramento vetri auto, cosa dice la legge, come funziona e quali sono i vari tipi di pellicole utilizzati.

Vetri oscurati, quali sono i vantaggi

I motivi per cui sempre più auto hanno i vetri oscurati sono molti. Una maggiore privacy, perché da fuori è più difficile capire chi sta dentro l’abitacolo, ma anche vantaggi per la salute e per la macchina stessa. Vediamo in maggiore dettaglio come funzionano i vetri oscurati e perché tanti automobilisti chiedono l’oscuramento vetri auto, al di là dell’aspetto estetico.

Le pellicole oscuranti effettuano anche un filtraggio, respingendo i raggi del sole, così diminuiscono di oltre la metà l’assorbimento di raggi e favoriscono la climatizzazione, con meno consumi e meno bisogno di usare l’aria condizionata o il climatizzatore. Così, pur con i vetri più scuri, l’auto rimane più fresca.

Oltre alla temperatura, l’assorbimento dei raggi solari comporta un vantaggio per la salute. Infatti, le pellicole trattengono quasi completamente i raggi UV, che sono dannosi per la pelle. Questo è un aspetto molto utile, soprattutto se nei sedili posteriori ci sono dei bambini. Tra l’altro, i raggi del sole sarebbero dannosi anche per l’interno auto, che così fa durare più a lungo gli elementi di finitura.

Un ultimo vantaggio riguarda la protezione dei vetri stessi. Molte pellicole sono trattate con una resina di protezione che aumenta la resistenza del vetro all’usura e al graffio. Inoltre, nella malaugurata ipotesi di un vetro rotto, una pellicola dello spessore giusto aumenta la resistenza dei cristalli agli impatti provenienti dall’esterno.

Oscuramento vetri auto, legge italiana

Oscuramento vetri auto, legge italiana

Dopo i primi anni di oscuramenti selvaggi, la legge italiana ha recepito la normativa europea sui vetri di sicurezza (92/22/CE), sugli specchietti retrovisori (71/127/CEE) e sul campo di visibilità (77/649/CEE), stabilendo quali vetri si possono oscurare e come oscurare i vetri auto.

Le pellicole devono essere omologate per lo specifico modello di auto, altrimenti ci sarebbe una modifica strutturale del veicolo stesso. Si possono oscurare solo i vetri laterali posteriori e il lunotto posteriore (sempre che il veicolo sia munito di entrambi gli specchietti laterali). La pellicola deve portare il marchio del produttore e il codice di omologazione, con un certificato di conformità che deve essere rilasciato al momento dell’istallazione.

Solo seguendo queste regole si evitano problemi di omologazione o di non conformità alla carta di circolazione. Va notato che la revisione dell’auto non ha nulla a che fare con l’oscuramento dei vetri e non implica una regolarizzazione, qualora le pellicole non fossero conformi.

Come oscurare i vetri posteriori dell’auto

Come oscurare i vetri posteriori dell’auto

Esistono vari tipi di oscuramento, con pellicole che lasciano passare una percentuale di luce dal 70% fino al 5%. Le pellicole al 70% e al 50% sono quasi trasparenti, proteggono dal sole e si distinguono moderatamente dai finestrini anteriori. Le pellicole al 20% e al 15% sono tra le preferite, in quanto nascondono quasi completamente i passeggeri all’interno dell’auto. Le pellicole al 5% sono quasi completamente oscuranti.

Le modalità di produzione delle pellicole sono diverse, possono essere metallizzate (contenere micro-particelle di metallo) tinte o ibride (tinte e metallizzate), ma esistono pellicole multi-strato cristalline prive di metalli o anche prodotti all’avanguardia, contenenti nano-particelle di ceramica. Le pellicole in ceramica sono tra le più efficaci nel respingere i raggi solari anche alle tinte meno scure, mentre le pellicole ibride sono più efficaci nelle tinte più scure.

Non esiste una soluzione fai da te su come oscurare i vetri auto senza pellicola, l’unica soluzione è sostituire direttamente i vetri con vetri oscurati già omologati. Chiaramente si tratta di un intervento non molto economico. Lo stesso discorso vale per i vetri anteriori, che per legge non si possono oscurare assolutamente, a meno che il veicolo non sia omologato con vetri anteriori già oscurati.

Come si mette la pellicola sul vetro della macchina?

Come si mette la pellicola sul vetro della macchina

Per chi si chiede dove oscurare i vetri auto, la buona notizia è che sempre più aziende offrono questo servizio anche a domicilio. Basta avere la macchina in un luogo riparato, come un garage doppio o un capannone, avere abbastanza luce e una presa di corrente regolare per l’asciugatura.

Per quanto riguarda il come oscurare i vetri auto fai da te, si possono comprare dei kit specifici certificati per modello di auto. Questi contengono la pellicola, un taglierino è una spatola. Poi bisogna munirsi di un contenitore d’acqua con spruzzino per pulire a fondo il vetro. Ogni traccia di polvere o contaminante rimarrebbe sotto la pellicola. Basta pensare alla pellicola che si mette sul cellulare o sul tablet, la procedura è simile.

Quanto costa l’oscuramento vetri auto?

Naturalmente dipende dal modello di auto e dal tipo di pellicola scelta. Il costo dei fogli necessari può andare dai 50 € ai 100 €, mentre il costo totale dell’intervento, manodopera compresa, può andare dai 200 € ai 250 €. Comprando i kit fai da te si possono risparmiare molti soldi, ma rivolgendosi a un centro specializzato si può avere una garanzia anche decennale, oltre a tutte le certificazioni.

La sostituzione dei vetri, laddove non sia possibile usare la pellicola, ha dei costi molto maggiori. Per un lunotto oscurato di un’utilitaria si possono spendere anche sui 400 €, mentre per tutti i cristalli si superano facilmente i 1000 €.

Per quanto riguarda eventuali interventi non a norma, nel caso di oscuramento con pellicola dei vetri anteriori, si rischia una contravvenzione di circa 80 € ogni volta che si viene fermati. Mentre per l’utilizzo di prodotti non conformi si rischiano sanzioni dagli 85 € ai 338 € (che raddoppiano nel caso di trasporto di merci pericolose).

Conclusione

L’oscuramento dei vetri può essere un intervento semplice per i vetri posteriori, può proteggere i passeggeri dai raggi del sole, impedendo a chi sta fuori di curiosare troppo. L’importante è utilizzare i prodotti certificati e a norma per evitare brutte sorprese.