Come pulire un casco da moto

Come pulire un casco da moto

Il casco è un elemento fondamentale per la sicurezza, ma non solo. È ormai diventato anche un oggetto elegante, che completa lo stile di tanti motociclisti. Per mantenere alto sia il livello estetico che il grado di funzionalità, va pulito accuratamente e anche igienizzato.

Vedremo come fare per igienizzare il casco, per evitare che si accumulino germi o allergeni, come mantenere l’esterno della calotta pulito e lindo, sia per la bellezza che per la visibilità, infine vedremo i casi della visiera e dell’interno sfoderabile o meno.

C’è modello e modello

I caschi per moto non sono tutti uguali. Al di là dei vari modelli, casco integrale, modello jet, modulare o speciale per moto da corsa, gli elementi in comune che fanno la differenza in termini di pulizia sono la visiera e l’interno sfoderabile o meno.

Come scegliere un casco da moto è un compito semplice per un motociclista medio, basta optare per maggiore sicurezza e stile o maggiore comodità. Chi percorre tratti brevi a velocità contenute può tranquillamente optare per il modello jet, che lascia più apertura ed è più semplice da indossare.

Per chi usa la moto più spesso, su lunghe distanze o a velocità più sostenute, il casco integrale diventa più appropriato, con l’opzione del modulare per un tocco graffiante, ma anche per una maggiore comodità di apertura e chiusura nell’indossarlo.

In tutto questo, il lavaggio del casco moto non è influenzato tanto dal modello in sé, quanto da altri fattori, che ora andiamo a esaminare nel dettaglio. Si tratta di scelte del produttore, come in particolare il tessuto di rivestimento interno e la modalità di attacco.

Il rivestimento interno

Il rivestimento interno è sempre in contatto con il viso e con i capelli, quindi si può sporcare facilmente e può trattenere elementi che normalmente si disperderebbero nell’aria, come germi o sudore. Ecco perché è importante imparare come pulire l’interno casco.

Vediamo il caso più semplice, quello in cui il rivestimento interno è sfoderabile. In questo caso la pulizia diventa molto facile, basta estrarre l’imbottitura e lavarla a mano o in lavatrice (dipende dal tessuto). Questo intervento può essere fatto tre o quattro volte l’anno, oppure a seconda dell’uso, della frequenza e dell’ambiente.

Il resto del casco si può immergere in un contenitore pieno di acqua fredda insaponata per un po’ di tempo, poi si sciacqua per togliere ogni traccia di sapone, si lascia sgocciolare e si asciuga appendendolo. Non si può usare l’asciugacapelli (il fon) perché si rischia di surriscaldare troppo il materiale.

Quando non si può lavare

Come si fa per lavare l’interno casco non sfoderabile? Non è un problema. Capita spesso in casa di avere mobili con rivestimenti non lavabili, come divani o sedie. In questi casi si utilizzano prodotti speciali, come schiume detergenti.

Prima si può usare una spazzola per eliminare ogni traccia di contaminanti, poi si sparge il prodotto all’interno, sempre con la spazzola, finché non è completamente assorbito. Infine si prende un panno in microfibra, lo si inumidisce e si strofina per eliminare ogni residuo.

Si lascia asciugare, sempre in modo naturale e senza getti d’aria calda, infine si passa l’aspirapolvere con un bocchettone che entri negli interstizi, per eliminare qualunque traccia minima di prodotto (è meglio non respirare le schiume detergenti).

Oltre ad aver imparato come lavare l’interno casco, bisogna considerare che in alcuni casi si rende necessario un intervento di disinfezione. In particolare, se si indossa con il raffreddore. Se non si ha accesso alla lavatrice, bisogna usare un prodotto igienizzante.

Un buon igienizzante per casco moto si può trovare nei negozi specializzati, si consiglia di controllare la compatibilità dei prodotti con il tessuto dell’interno, perché spesso questi liquidi contengono alte quantità di alcol, che non è il massimo per la plastica o altri tessuti sintetici.

La visiera

Un discorso a parte merita la pulizia della visiera del casco. Oltre all’igiene, ne va della visibilità, quindi della sicurezza. Inoltre, la visiera è prodotta con materiali diversi dal rivestimento interno e dall’esterno della calotta, quindi merita un’attenzione diversa.

Se l’esterno della visiera è sporco, ma non troppo, il primo tentativo è inumidire un panno, metterlo sulla visiera per qualche minuto, poi strofinare con delicatezza, facendo attenzione a non graffiare.

Se lo sporco è troppo o è ostinato, ecco come pulire la visiera del casco: prima la si stacca, poi la si immerge in una bacinella di acqua tiepida con sapone. L’ammollo dovrebbe durare una decina di minuti, poi si passa a strofinare un panno in microfibra.

Se la pulizia si effettua regolarmente, dovrebbe bastare, ma se si lasciano dei contaminanti per troppo tempo, come ad esempio degli insetti, lo sporco si può incrostare e può resistere al lavaggio. Allora bisogna passare a detergenti specializzati, in grado di sciogliere le incrostazioni senza danneggiare la visiera.

La calotta esterna

La calotta esterna, come la visiera, è a costante contatto con elementi come polvere, sabbia, insetti, fumo. A differenza della visiera, però, è più facile da pulire, perché non disturba la visibilità ed è composto di materiali più resistenti ai graffi. È anche vero che un casco pulito regolarmente è anche più resistente e dura di più.

Per lavare l’esterno, basta un panno imbevuto di acqua tiepida e sapone, si strofina con una certa forza per eliminare lo sporco. Evitare di usare agenti troppo aggressivi che potrebbero intaccare la vernice.

Per un tocco di classe in più, dopo aver pulito la calotta del casco la si può anche lucidare. Ci sono prodotti specifici per moto che contengono anche cera naturale. Evitare gli elementi in plastica e le aperture di ventilazione e seguire le istruzioni del produttore.

Conclusione

Lavare il casco della moto è molto importante per la sicurezza sulla strada e per la durata dell’accessorio stesso, oltre che per la salute. È un intervento semplice da effettuare di frequente, come pulire una moto. La pulizia dipende dai materiali interni e dal livello dello sporco. Mantenere la visibilità è fondamentale per ogni motociclista.

Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *