Come controllare un turbocompressore

Come controllare un turbocompressore

 Controllo del turbo: 8 passaggi facili 
  1. Ascolta il motore quando è freddo

    Se la turbina in funzione produce un ronzio, probabilmente si sono usurati i cuscinetti. Lo stesso guasto è indicato dallo stridore metallico delle alette della girante a contatto con l’involucro della turbina.

  2. Controllare depositi di olio sull’involucro del turbocompressore.

    Se si trovano depositi di olio vicino alla girante della turbina, molto probabilmente il turbocompressore è probabilmente guasto. Se si trovano macchie d’olio sul collegamento con il collettore dei gas di scarico o nel tubo di fornitura dell’aria ; c’è qualcosa che non va nel motore o nel sistema di ventilazione del basamento.

  3. Controllare il colore dei gas di scarico.

    Se il turbocompressore si è usurato, entra dell’olio nel collettore di aspirazione insieme all’aria compressa, che viene bruciato nelle camere di combustione del motore. Per questo motivo, i gas di scarico diventano di colore nero.

  4. Controllare il sistema con un apparecchio speciale.

    Per effettuare un esame diagnostico, servirà un adattatore, il software necessario, un computer o uno smartphone. Per effettuare tutte le misurazioni il motore va tenuto in funzione al minimo. Nel manuale utente del tuo adattatore per diagnostica troverai informazioni più dettagliate su questo metodo diagnostico.

  5. Smonta il turbocompressore dal veicolo e controllare se l’albero ha movimento libero.

    Afferra l’estremità dell’albero e prova a far oscillare l’albero da un lato all’altro. Il gioco libero del componente non deve superare 1 mm. L’albero non deve muoversi lungo l’alloggiamento.

  6. Controlla le palette della girante e le pareti della turbina del turbocompressore.

    Le prime dovrebbero avere bordi lisci e affilati, non essere frastagliate, senza abrasioni e senza tacche. Le ultime non dovrebbero avere alcun segno di contatto con le eliche giranti.

  7. Assicurarsi che attuatore e sensori funzionino.

    Non devono esserci ammaccature sull’alloggiamento dell’attuatore e neanche punti di corrosione sulla parte superiore dell’asta. Accertati che il diaframma sia ancora intatto. Solleva l’asta in posizione più elevata, chiudi l’orifizio con il dito e poi rilascialo. L’asta non dovrebbe muoversi mentre l’orifizio è chiuso. Non appena lo si rilascia, l’asta deve tornare nella sua posizione iniziale. Controlla la parte elettrica dell’attuatore con un multimetro.

  8. Se il turbocompressore è a geometria variabile, controllare che l’anello delle pale non sia bloccato.

    Le palette devono muoversi liberamente. Diagnostica l’unità utilizzando un compressore ad aria e un manometro. Se l’anello guida a paletta è intatto, l’attuatore si muoverà liberamente ad una pressione di circa 0,6-0,7 bar.

[Voti: 0   Media: 0/5]