Come togliere i graffi dall’auto

Come togliere i graffi dall’auto

Accorgersi di aver dei graffi sulla carrozzeria dell’auto è una circostanza purtroppo frequente al giorno d’oggi e che può capitare a chiunque. In questi casi basta non disperarsi e cercare di risolvere il problema controllando la profondità e l’entità del graffio. Infatti, come un noto proverbio ci insegna: a tutto c’è rimedio.

A riguardo vediamo di fornire in maniera chiara e concisa alcune indicazioni e consigli sul da farsi in questa evenienza.

La cause di una graffiatura sulla carrozzeria dell’automobile sono varie: una manovra distratta durante un parcheggio; un atto di vandalismo; uno struscio con un’altra auto ecc. Riparare questi piccoli danni, che rovinano l’estetica della propria auto, può purtroppo essere molto costoso, dal momento che l’intervento di un carrozziere, anche se il graffio investe una superficie molto ridotta, può costare veramente molto denaro. Una soluzione potrebbe essere quella di tentare da soli a porre riparo al danno con l’ausilio di un’apposita pasta abrasiva, di una cera per auto e di una lucidatrice.

Vediamo ora come.

Controllo

In primo luogo, occorre constatare l’entità del danno, verificando che si tratti in effetti di un graffio vero e proprio e non, ad esempio, di un corpo estraneo sulla vernice. Quelli che a prima vista appaiono essere dei graffi, ad un controllo più accurato possono in realtà essere delle incrostazioni o delle macchie di sporco. In casi come questo, si ha avuto fortuna e basta semplicemente pulire con dell’acqua e delle sostanze detergenti la carrozzeria, perché tutto torni come prima.

Se la verifica ha confermato che si tratta a tutti gli effetti di un graffio, è necessario allora determinarne la profondità di incisione. Questo si può fare in maniera abbastanza empirica, passandovi sopra il dito e, se si hanno unghie lunghe abbastanza, infilandovi dentro un’unghia per comprendere quanto più o meno il graffio sia profondo. Nel far questo, si tenga anche presente che la carrozzeria è composta di quattro strati: il rivestimento trasparente, il colore, il primer e l’acciaio. Se l’incisione ha coinvolto solo i primi due strati, in questo caso un intervento “fai da te” ha delle buone probabilità di successo. Se invece, purtroppo, si vede un colore diverso da quello dell’auto o addirittura l’acciaio, allora in questo caso solo la mano esperta di un carrozziere sarà in grado di intervenire con successo. Arrivati a questo punto, sarà bene controllare anche il resto della carrozzeria, per assicurarsi che non vi siano altri graffi, veri o presunti. L’esame della profondità del graffio va fatta con molta attenzione, tenendo anche presente che un’incisione può essere anche molto irregolare, in quanto la sua profondità può variare da un’estremità all’altra. È pertanto bene non iniziare il lavoro, se non si è del tutto sicuri di quanto il graffio sia profondo.

Riparazione

Se il graffio ha interessato solo i primi due strati, è possibile, come sopra accennato, tentare di riparare il danno facendo quanto segue e procurandosi questo occorrente:

  • carta vetrata con grana 1.500-2.000;
  • pasta abrasiva;
  • cera per auto;
  • lucidatrice;
  • acqua;
  • sapone;
  • panni e strofinacci.
 Pulizia e smerigliatura: 
  • i Prima di tutto, sarà necessario lavare ed asciugare la parte della macchina in maniera accurata. Particelle di sporco e detriti vari potrebbero infatti causare dei danni ulteriori nel corso delle operazioni che seguiranno. Per la pulizia, basterà anche usare dell’acqua e dei comuni detergenti.
  • i Procedere quindi a smerigliare la parte dove si trova il graffio, avvolgendo della carta vetrata con grana 2.000 intorno ad un blocco per smeriglio. Il fine di questa operazione è quello di levigare solo il primo strato trasparente, senza procedere in profondità. Nel fare questo, sarà bene seguire sempre la direzione del graffio, risciacquando con acqua ad intervalli regolari la superficie. Questo accorgimento renderà possibile constatare a tempo debito quando si è raggiunta la parte più profonda dell’incisione. Nel caso ci si renda conto che il graffio è più profondo dello strato trasparente, in tal caso è consigliabile iniziare l’operazione con una carta vetrata a grana 1.500, per poi successivamente passare all’altra a grana 2.000. Durante l’operazione di smerigliatura, controllare sempre che tra lo strato di vernice dell’auto e la superficie della carta vetrata non si siano inseriti corpi estranei, che potrebbero provocare ulteriori graffi.
    Togliere i graffi: pulizia e smerigliatura
  • i Fatto questo, risciacquare questa parte, assicurandosi poi che essa sia pulita ed asciutta. Per asciugare, si consiglia l’uso di un panno in microfibra.

Applicazione della pasta abrasiva e della cera

Applicazione della pasta abrasiva e della cera

Una volta che la superficie è asciutta, si può iniziare l’operazione più importante: la riparazione del graffio con l’ausilio di una pasta abrasiva. Come noto, la pasta abrasiva è un prodotto atto a togliere lo strato di superficie della vernice, rendendolo liscio e pronto alla cera: sostanzialmente, essa serve ad eliminare i graffi causati durante la smerigliatura e a staccare un po’ di vernice, che si distribuirà nella zona danneggiata, in modo da colmare il vuoto provocato dal graffio.

 In questa fase, si possono seguire i seguenti passi. 
  1. Spalmare la pasta abrasiva sul tampone della lucidatrice, per poi passare a distribuirla nella zona smerigliata, dove si trova il graffio.
  2. Avviare la lucidatrice al minimo, passandola lentamente sulla superficie in modo orizzontale e verticale. Aumentare poi la velocità a 2.000 RPM e procedere così per circa un minuto. Continuare l’operazione fino a quando l’opacità non sarà scomparsa; in genere saranno necessari circa 5 minuti. Nel far questo, si raccomanda di non restare sulla stessa area più di un secondo, per evitare di provocare dei graffi.
  3. Terminato il lavoro con la lucidatrice, occorrerà lavare la parte con dell’acqua, rimuovendo gli eventuali resti di pasta abrasiva con un panno. Se questi sono resistenti, si può utilizzare uno spazzolino da denti. Si tratta di un lavoro certosino, ma utile, in quanto i residui di questa pasta potrebbero creare problemi nella fase successiva.
  4. Fatto questo e dopo aver asciugato per bene la superficie, si può passare ad applicare della cera per auto per sigillare la vernice. Le istruzioni per l’uso sono di solito riportate sulla confezione del prodotto. Dopo di che si procederà a lucidare la carrozzeria con una lucidatrice orbitale.
  5. Come ultimo passo, occorrerà fare un lavaggio finale, per verificare se il graffio sia effettivamente scomparso e che la superficie interessata sia tornata come prima.

Questo è tutto.

Un altro metodo per rimuovere i graffi più leggeri, ma veramente solo quelli molto superficiali, è quello di usare un panno insaponato, strofinando con energia la parte interessata. In questi casi si potrebbe provare anche ad usare un prodotto per la rimozione degli adesivi.

Per finire, va anche ricordato che da qualche tempo in commercio circola il polish auto, un prodotto ibrido a metà tra pasta abrasiva e cera lucidante, le cui regole di applicazione sono simili a quelle dei prodotti tradizionali.

Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *