Come pulire i vetri interni dell’auto

Come pulire i vetri interni dell’auto

I finestrini della macchina, lunotto e parabrezza, svolgono varie funzioni. La principale è quella di garantire la visibilità necessaria in ogni momento per circolare. Se il vetro è sporco o appannato, è vietato circolare e si rischiano multe, o peggio, incidenti.

Vedremo qual è il modo migliore per effettuare il lavaggio vetri auto, quali sono i prodotti più consigliati e naturalmente come procedere. Vedremo anche cosa non fare e come garantire che i vetri rimangano puliti più a lungo, senza darci brutte sorprese al minimo cambio del tempo.

Pulire dentro e fuori, cosa cambia?

I vetri si possono sporcare sia all’esterno che all’interno, ma la pulizia dentro e fuori non segue gli stessi principi. Come mai? Perché gli agenti contaminanti sono profondamente diversi. All’esterno abbiamo a che fare con eventuale inquinamento, gas di scarico di altri veicoli, insetti e agenti esterni non filtrati.

La pulizia vetro auto all’interno invece presenta problemi diversi, in quanto l’aria che entra nel veicolo è filtrata e non presenta gli stessi contaminanti. D’altro canto, ci sono contaminanti interni, soprattutto microbi o germi portati dai viaggiatori, di persona o tramite oggetti, come sigarette o bevande, o anche elementi presenti nell’aria stessa, come l’umidità.

Il rischio che il parabrezza si appanni è uno dei principali problemi che ogni buon prodotto pulizia vetri auto deve prevenire. Questo perché, tra i vari contaminanti, l’appannamento può capitare anche all’improvviso, ad esempio se si passa da una zona soleggiata a una in cui piove e fa più freddo.

Vediamo ora quali sono i prodotti più consigliati e come pulire i vetri interni della macchina in modo che non ci siano sorprese inaspettate, il tutto nella massima semplicità e con gli accessori migliori.

I prodotti e gli accessori che servono

Come pulire i vetri della macchina interni

Cominciamo col dire che gli accessori e i prodotti per la pulizia vetri interni auto non sono gli stessi che si usano per l’esterno. Servono un paio di panni in microfibra di ottima qualità. Sul mercato si trovano anche accessori stendipanni che sono più facili da passare, in quanto il panno è tenuto disteso e ben premuto.

Un panno si usa per passare il prodotto detergente con l’acqua (o anche solo l’acqua), mentre l’altro si usa per asciugare. Il detergente dev’essere un prodotto apposito per i vetri, con specifiche qualità anche di prevenzione all’appannamento, quindi un prodotto per vetri interni.

Se i vetri sono oscurati con delle pellicole all’interno, bisogna evitare di usare detergenti troppo aggressivi, che andrebbero a rovinare il film oscurante. Bisogna usare solo acqua o detergenti delicati. Evitare assolutamente qualunque percentuale di ammoniaca.

Come procedere per pulire i vetri dall’interno

Vediamo ora come pulire i vetri della macchina interni su tutti i lati nel modo più comodo. Conviene concentrarsi su un settore alla volta, raggiungendo anche gli angoli. Per il parabrezza, conviene non mettersi sul sedile di guida per evitare l’ostacolo del volante.

I finestrini laterali sono i più facili, anche perché volendo si possono pulire a sportelli aperti, in piedi da fuori. Il lunotto può dare qualche scomodità, a meno che non lo si possa raggiungere comodamente dai sedili posteriori, oppure da fuori, a sportello aperto.

Come procedere per pulire i vetri dall’interno

Per ogni vetro, prima di tutto bisogna spruzzare il detergente, preparato secondo le istruzioni specifiche (diluito o meno), oppure l’acqua da sola, se necessario. Si passa il panno di lavaggio su tutto il vetro. In caso di sporco pesante, il panno va risciacquato per bene per evitare che sparga la sporcizia invece che toglierla.

Quando il panno di lavaggio ha tolto la sporcizia e rimane pulito al passaggio, si può usare il secondo panno per asciugare. L’asciugatura è il grande segreto per come pulire i vetri interni dell’auto senza lasciare aloni.

I consigli degli esperti

Un problema che può nascere, se sui vetri ci sono tracce di sabbia, o se non si fa attenzione nel manovrare i panni con gli accessori lavavetro, è quello dei graffi. Un vetro graffiato è un danno alla visibilità (e al valore del veicolo) ed è meglio cercare di evitarlo. Per questo bisogna evitare panni lanuginosi, risciacquare il panno di lavaggio e fare attenzione (ad esempio, se si indossano anelli o braccialetti).

Se si usano prodotti detergenti con agenti chimici non delicati, quando si spruzza il prodotto, in particolare sul parabrezza, è meglio proteggere il cruscotto o le altre parti dell’abitacolo che potrebbero risentirne, in particolare se ci sono elementi in plastica o in pelle.

Se manca un detergente apposito, è possibile preparare una soluzione “casalinga” in questo modo: mescolare mezzo litro d’acqua con un bicchiere di aceto (100 ml). Per un’azione più efficace, usare acqua tiepida o leggermente calda. Sempre a proposito di vecchie soluzioni, anche le pagine dei giornali, quelle con l’inchiostro sulla carta, si possono usare in sicurezza. Il caro vecchio panno di daino è perfetto, soprattutto per asciugare.

Le guarnizioni dei vetri

Un ultimo consiglio riguarda le guarnizioni e le guide dei finestrini laterali. Le guide vanno sempre tenute libere per evitare che degli oggetti, come sassolini o ramoscelli, ostacolino il movimento, col rischio di danneggiare il motorino alzavetro.

Le guarnizioni col tempo tendono a indurirsi, la gomma si opacizza e rischia di crepare. Per mantenerle morbide e lucide più a lungo, vanno lavate. Può bastare una spugna morbida con acqua calda e sapone per piatti, facendo attenzione a non far cadere il prodotto su altri elementi (sedili in pelle, vetri). Meglio agire con il finestrino completamente abbassato.

Conclusione

Come pulire i vetri interni della macchina

Una buona pulizia dei vetri interni all’abitacolo consente di avere la massima visibilità e i vetri non si appannano tanto facilmente. Inoltre non rimangono aloni. Scegliere detergenti di qualità e accessori comodi, come panni in microfibra, oppure i vecchi rimedi comprovati, sempre facendo attenzione a non graffiare o danneggiare i vetri o altre parti dell’interno auto.

Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *