Come spurgare l'impianto frenante

Come spurgare l’impianto frenante

Il funzionamento corretto dell’impianto frenante è uno degli elementi essenziali per la sicurezza sulla strada. Quindi, ogni automobilista deve mantenere l’impianto frenante del proprio veicolo in ottimo stato: controllare eventuali perdite dai tubi, sostituire i materiali di consumo in tempo, eliminare l’aria dall’impianto, se vi è entrata. Scopriamo le cause dell’ingresso di aria nell’impianto frenante. Questo articolo spiegherà qual è l’ordine giusto per spurgare l’impianto frenante.

Le 5 cause principali per cui l’aria entra nell’impianto frenante

  • Livello di fluido nel serbatoio insufficiente. Per questo motivo, l’aria esterna può essere risucchiata nel sistema.
  • Elementi in gomma usurati. Le guarnizioni del cilindro della ruota (o della pinza dei freni) sono esposte a sporcizia, umidità, agenti chimici, quindi perdono col tempo l’elasticità e cominciano a perdere. Anche i tubi, col tempo, si crepano.
  • Fluido operativo non cambiato per tempo. I tubi del sistema hanno una struttura porosa, quindi sono attraversati dall’umidità, per quanto in minima parte. L’umidità si mescola col fluido dei freni, quindi si riduce la temperatura di ebollizione del fluido. In caso di frenata ripetuta, così, per esempio quando si scende da una montagna percorrendo dei tornanti, il fluido potrebbe arrivare a bollire, generando del vapore. Così, si formano dei blocchi d’aria in alcuni punti dei tubi.
  • Adattatori e connettori che perdono. Quando il veicolo marcia su manto stradale sconnesso, gli elementi di fissaggio si allentano, col tempo. Così, l’aria può penetrare all’interno.
  • Riparazioni. Quando si cambiano tubi, cilindri, pistoni, bisogna assicurarsi di eliminare immediatamente l’aria dall’impianto frenante. Infatti, quando si smontano queste componenti, l’aria entra liberamente nei tubi, rimanendo dopo il montaggio.

Come si fa a sapere che i freni vanno spurgati

Questo problema è accompagnato da sintomi precisi e caratteristici. Quando si preme il pedale del freno, si può sentire che fa molta meno resistenza. A volte, il pedale va premuto più volte per far funzionare correttamente i freni. Il pedale diventa più rigido ogni volta che viene premuto. A volte, la frenata parte solo quando il pedale è premuto completamente. Comunque, la distanza di frenata si allunga di molto rispetto al normale.

Se si nota anche uno solo di questi sintomi, bisogna spurgare i freni.

Come si prepara l’auto per spurgare i freni?

La procedura per far uscire l’aria dal circuito dei freni dipende dalla marca e dal modello dell’auto. Dipende anche dalla struttura dell’impianto frenante e dalla presenza o meno di altre unità o gruppi. Di conseguenza, prima di partire con l’intervento, assicurarsi di leggere con attenzione il manuale tecnico dell’auto. Questo contiene una descrizione dettagliata per lo spurgo esattamente di quel modello. Molto spesso, se l’auto è munita di vari apparecchi elettronici, serve l’intervento di un professionista.

Attrezzi per spurgare i freni

Preparare gli attrezzi per spurgare i freni e tutto il necessario.

 Ecco cosa serve: 
  • Un contenitore pulito, stabile, meglio se trasparente, per il fluido operativo drenato.
  • Un tubo flessibile trasparente con diametro adatto, che corrisponda a quello della vite di drenaggio, oltre alla chiave adatta per svitare la vite stessa.
  • Uno spray WD-40, che facilita l’operazione di svitare connessioni ed elementi di fissaggio se questi sono più resistenti o leggermente bloccati.
  • Una chiave smontagomme e un martinetto, qualora sia necessario togliere una ruota per arrivare ai cilindri (o pinze freno).
  • Cunei bloccaruote. A volte è meglio garantire la stabilità del veicolo, soprattutto nei modelli in cui non è possibile inserire il freno di stazionamento durante l’operazione di spurgo dei freni.
  • Fluido dei freni dello stesso tipo di quello usato nella stessa automobile.

Le procedure per spurgare i freni su vari modelli di auto.

 Il corretto ordine della procedura dipende dai seguenti punti: 
  1. Presenza di una valvola di dosaggio sull’asse posteriore. Di solito, questa si trova sui veicoli commerciali e sulle automobili delle prime generazioni. Su alcune strade, questa impedisce che il fluido dei freni arrivi alle ruote posteriori. Pertanto, in questi veicoli, per spurgare i freni correttamente, non è possibile togliere il carico all’asse posteriore sollevando l’auto con un martinetto.
  2. Configurazione del circuito dei freni. La corretta procedura coinvolge la fuoriuscita dell’aria da ciascun meccanismo frenante. L’aria viene rimossa prima da un circuito, poi dall’altro.
    Se i circuiti sono organizzati in diagonale, bisogna cominciare con il meccanismo frenante più lontano dal cilindro principale: il più delle volte, si tratta della ruota posteriore destra. Poi si procede con la ruota anteriore sinistra, con quella posteriore sinistra, per finire con quella anteriore destra. Se i circuiti sono organizzati in parallelo e collegano posteriore e anteriore, bisogna procedere a spurgare il sistema in cerchio. Prima si toglie l’aria dal meccanismo frenante posteriore più lontano dal cilindro del freno principale. Poi si passa all’altro freno posteriore, per terminare con le ruote anteriori.

Nota bene: lo schema per spurgare i freni è individuale e dipende dal modello, in quanto dipende dalla struttura dell’impianto frenante. Quindi, prima di procedere, bisogna sempre leggere con attenzione il manuale tecnico della vettura.

  1. Presenza o meno del sistema antibloccaggio freni (ABS). Questo serve a impedire che le ruote si blocchino completamente durante la frenata. Così si evitano slittamenti. Lo si trova su gran parte dei veicoli moderni. Grazie a questo sistema, non si perde il controllo anche durante una frenata d’emergenza, oppure se si tenta di fermare il veicolo su un manto stradale sdrucciolevole. Nella sua struttura, è compresa un modulatore di pressione: bisogna togliere l’aria anche da questo.
Presenza o meno del sistema antibloccaggio freni (ABS)
  1. Pompa idraulica al posto del servofreno pneumatico. Lo si trova, per esempio sui modelli: BMW serie 7 (E32), Nissan Cedric Y32, Toyota Land Cruiser 105, Mitsubishi Pajero III e altri. Su alcuni veicoli, viene usato insieme al servo freno pneumatico. In questo caso, bisogna accendere la pompa per eliminare l’aria.
  2. Altre caratteristiche. Se l’auto ha in dotazione, per esempio, il sistema elettronico di stabilità, per eliminare l’aria dall’impianto frenante è meglio rivolgersi ad uno specialista. Lo stesso vale nel caso il veicolo abbia delle unità ABS situate in varie parti del veicolo. In questo caso, infatti, la procedura prevede l’utilizzo di uno scanner diagnostico, che funziona con l’aiuto di un software. I modelli Land Cruiser 200, BMW X5 e altri sono tra i veicoli più famosi di questo tipo.

Come spurgare i freni su una vettura senza ABS?

  1. Svitare il tappo del serbatoio.
  2. Rabboccare il fluido dei freni fino a raggiungere il livello massimo (“Max”).
  3. Versare un po’ di fluido nella tanica di drenaggio.
  4. Collegare il tubo alla vite di spurgo dei freni e immergere l’altro capo nella tanica di drenaggio con del fluido.
  5. Chiedere a qualcuno di premere varie volte il pedale del freno senza interruzione, fino a prenderlo al massimo.
  6. Nel contempo, svitare la vite di spurgo e lasciare che il fluido scorra nel tubo.
  7. Chiedere a qualcuno di premere fino in fondo il pedale dei freni.
  8. Osservare il fluido che scorre dalla vite di spurgo. Nel fluido ci saranno delle bolle.
  9. Avvitare la vite di spurgo. Poi si può rilasciare il pedale dei freni.
  10. Ripetere la stessa procedura per 4–5 volte per ciascun meccanismo frenante.
  11. Non bisogna dimenticare di verificare che il fluido nel serbatoio raggiunga il livello massimo (“Max”), rabboccare quando serve.
  12. Mentre si effettua questa operazione, controllare che il fluido non entri in contatto con la carrozzeria del veicolo. Infatti, questo fluido tecnico contiene degli elementi che hanno un effetto distruttivo sulla vernice. Bisogna evitare anche che il fluido possa entrare in contatto con le pastiglie dei freni. Se questo succede, diventa necessario sostituirle.

Come spurgare i freni su un’auto con ABS?

Per spurgare i freni su veicoli in cui tutte le unità ABS sono combinate su un modulo, ecco come fare:

  1. Togliere il fusibile dell’ABS.
  2. Seguire tutti i passaggi descritti sopra.
  3. Installare nuovamente il fusibile.
  4. Verificare che la spia luminosa sul cruscotto che indica un guasto all’ABS non sia accesa.

Come si spurgano i freni in auto con servofreno idraulico?

Come spurgare i freni senza un’assistente che aiuti
 Ecco come procedere: 
  1. Togliere dalla sua sede il fusibile dell’ABS.
  2. Attaccare il tubo alla vite di spurgo. Immergere l’altro capo del tubo nella tanica di drenaggio, insieme a del fluido tecnico.
  3. Chiedere a qualcuno di premere completamente il pedale del freno. In questo caso, non serve fare pressione diverse volte prima.
  4. Chiedere a qualcuno di accendere l’impianto elettrico del veicolo ruotando la chiave nella posizione corrispondente. Così, verrà attivata la pompa.
  5. Aspettare che la pompa elimini tutta l’aria presente all’interno dell’impianto frenante. In altre parole, bisogna aspettare che il fluido che esce dalla vite di spurgo non contenga più bolle.
  6. Ripetere la procedura per ciascuno dei cilindri del freno sulla ruota (pinze freno).
  7. Monitorare il livello di fluido nel serbatoio. Prima di ogni ciclo, va rabboccato al livello massimo (“Max”) e lo stesso bisogna fare dopo aver completato l’operazione di spurgo.
  8. Chiedere a qualcuno di spegnere l’impianto elettrico.
  9. Rimettere a posto il fusibile. Controllare sul cruscotto che la spia luminosa di allarme in caso di guasto ABS non sia accesa.

Come spurgare i freni senza un’assistente che aiuti?

Se non è presente qualcuno che possa aiutare, è possibile effettuare da soli la stessa procedura.

 Ci sono vari modi: 
  1. La procedura è la stessa anche senza assistente, basta usare un pistone a gas per tenere premuto il pedale. A tal fine, se ne può estrarre temporaneamente uno dal cofano o dal coperchio del baule. Per maggiore comodità, è possibile comprare un kit speciale per spurgare i freni. In questo, si trovano adattatori, tubi flessibili e una tanica di drenaggio. È molto comoda una tanica dotata di una calamita potente, grazie alla quale è possibile attaccare la tanica a qualunque parte della carrozzeria, evitando che questa si rovesci, versando il fluido.
  2. Si può effettuare l’operazione con una speciale pompa di aspirazione. Ecco come si fa: riempire il serbatoio di fluido refrigerante fino al livello massimo. Collegare il tubo della pompa alla vite di spurgo del cilindro del freno sulla ruota (pinza freno) su cui si intende lavorare. Il fluido viene aspirato dalla pompa e raccolto in una tanica speciale, così l’aria viene eliminata.
  3. Si può spurgare facendo maggiore pressione sulla tanica di espansione. Per questa procedura, possono servire vari apparecchi: siringhe, compressore manuale e altro ancora. Il principio operativo di questa procedura è la fornitura di aria o di fluido freni nella tanica di espansione sotto pressione. Così il fluido circola nelle tubature, sostituendo il meccanismo di pressione del pedale. Il resto della procedura è simile a quella standard: il fluido dei freni con le bolle d’aria viene drenato dal tubo attaccato alla vita di spurgo del cilindro del freno sulla ruota (pinza freno).

Conclusione

Quando l’impianto frenante si guasta, bisogna sempre intervenire immediatamente, riparando qualunque problema. Nell’impianto frenante non ci dovrebbe essere aria. Quindi, appena si sospetta la presenza di aria nei freni, questi vanno spurgati seguendo i nostri consigli.

[Voti: 0   Media: 0/5]