Quando è legale dormire in macchina

Quando è legale dormire in macchina

Tra tutte le norme del Codice della Strada e della legge ordinaria, la regolamentazione della vita civile è molto capillare, anche nel caso del traffico e della sosta. Ci sono azioni comuni che possono essere vietate in alcune circostanze, come guidare con tasso alcolemico alto o fumare in macchina se c’è un minorenne.

Vedremo quali sono i casi e le condizioni per poter dormire in auto senza correre alcun rischio, quali sono invece le condizioni da evitare e quali sono le zone migliori per farlo, oppure dove è vietato.

È davvero vietato dormire in macchina?

Diciamolo subito chiaramente: di per sé, dormire in macchina non è vietato da alcuna norma, pertanto è da ritenersi legale e perfettamente accettabile.

Se dormire in auto è legale, perché porsi il problema? Perché ci sono delle condizioni concomitanti che invece vanno tenute presente, legate soprattutto a dove sosta il veicolo e allo stato del conducente (cioè di chi è seduto al posto di guida).

Vediamo allora quali sono le condizioni in cui si incorrerebbe in una sanzione (a volte anche pesante) se si venisse beccati a dormire in auto nel posto sbagliato o nelle condizioni sbagliate. Dormire in macchina, i consigli per evitare guai.

Quali sono le violazioni da evitare

In generale, bisogna essere in regola con il parcheggio. L’auto in cui si dorme deve sostare in un luogo in cui è consentito farlo per un tempo prolungato. Ad esempio, è vietato sostare in una piazzola di emergenza in autostrada, o sul ciglio della strada, oppure in un parcheggio a pagamento con il parchimetro scaduto.

Dormire in macchina è legale

In tutti questi casi, anche se dormire in macchina è legale, si incorre nella violazione del classico divieto di sosta. Trattasi di sosta e non di fermata, proprio perché non siamo al volante con il motore che corre, ma siamo fermi, peraltro nemmeno svegli.

Se da un lato dormire in autogrill è legale, farlo in alcune zone, spesso turistiche, può essere vietato da un’ordinanza comunale. Nel qual caso, se si viola il provvedimento dell’autorità civile si incorre addirittura in un reato (Art. 650 del codice penale) con rischio di ammenda fino a 206 € e di arresto, con pene fino ai tre mesi.

Per quanto riguarda le zone attrezzate, anche in questo caso dipende dai regolamenti. Dormire in auto in campeggio equivale a occupare un posto, quindi bisogna seguire le indicazioni del campeggio, eventualmente pagare il dovuto, anche per avere accesso alle strutture, come docce, servizi igienici, acqua corrente.

Un altro punto a cui fare attenzione è quello di non mettersi dietro al volante se il tasso alcolemico non lo consente, nemmeno se il veicolo è fermo, perché le forze dell’ordine potrebbero chiedersi come è arrivata la macchina e se il guidatore aveva bevuto. In questi casi è molto meglio mettersi dietro a riposare intanto che si smaltisce.

Qualche consiglio per dormire meglio

Qualche consiglio per dormire meglio

Ora che sappiamo dove è possibile dormire anche in auto, vediamo come fare per approfittare al meglio. Si trovano sul mercato dei veri e propri kit per dormire in auto, con tanto di materassino gonfiabile o altri accessori utili, come una coperta termica. Insomma, come trasformare la macchina in un mini camper.

Un cuscino per dormire in auto risulta molto utile, ci sono anche materassini in memory foam richiudibili, persino matrimoniali con vari livelli di configurazione. Alcuni kit sono universali, altri fatti su misura per modelli specifici. Con una spesa tra i 500 € e i 900 € si può trasformare l’auto in un mini-giaciglio temporaneo.

D’estate, se si dorme in un ambiente con clima caldo, abbassare un paio di finestrini giusto per avere uno spiraglio d’aria. Togliere le chiavi dal blocchetto di accensione (altrimenti ci potrebbero considerare alla guida, addormentati). Proteggere gli interni con una coperta da mettere sotto. Bloccare le portiere e mettersi le chiavi in tasca o metterle nel vano portaoggetti.

Spegnere ogni luce per non scaricare la batteria (un riposino di due ore può trasformarsi in una dormita più lunga). Se la zone è fresca e non si dispone di un kit, preferire un sacco a pelo, o una bella coperta pesante. Togliere le scarpe, anche per evitare di sporcare l’auto muovendosi.

Un’alternativa più confortevole è un vero e proprio letto gonfiabile per auto. Si tratta di un materassino gonfiabile con tanto di cuscini. Per utilizzarlo, bisogna abbassare completamente i sedili posteriori in modo che si crei un volume unico col baule: la nostra camera da letto viaggiante.

Si tratta di una soluzione da campeggio? Assolutamente no, ma è un’alternativa eccezionale se si fanno viaggi di due o tre giorni. Invece di dormire sui sedili, almeno ci si può sdraiare completamente. In questo caso, un buon consiglio è quello di oscurare i finestrini con delle tendine alla buona (a meno che i vetri non siano già oscurati).

Conclusione

A volte può capitare di fare un sonnellino in auto, oppure di dormirci più notti in circostanze difficili. L’importante è parcheggiare (da sobri) l’auto in un posto in cui è consentito rimanerci a lungo. Evitare assolutamente di toccare il volante se si è bevuto e sostare in una zona sicura anche di notte.

Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *