Effettuare una diagnosi dell'auto in base al colore del fumo di scarico

Effettuare una diagnosi dell’auto in base al colore del fumo di scarico

Uno dei segni di malfunzionamento del motore e dei relativi sistemi è rappresentato dal fumo proveniente dallo scarico. Molti problemi possono essere individuati dal suo colore e dalla struttura. In questo articolo vi illustreremo quali colori può avere il fumo di scarico e ne spieghiamo le ragioni del suo aspetto.

Perché la mia auto emette fumo quando la accendo?

Se c’è del fumo proveniente dal motore solo quando lo si avvia, soprattutto in condizioni di freddo gelido o secco e scompare dopo che il motore si è riscaldato, questo non è sintomo di malfunzionamento: in tale modo infatti, la condensa evapora dall’impianto di scarico.

Perché del fumo bianco proviene dallo scarico?

Se il fumo di scarico non scompare dopo che l’unità di potenza si è riscaldata, e questo avviene con clima secco e caldo, allora ciò indica che dell’acqua entra nel motore. Di solito ciò avviene in due modi: o quando si mischia con il liquido refrigerante, che indica la perdita di tenuta della guarnizione della testata o del sistema di raffreddamento, o se è miscelata al carburante se è di scarsa qualità.

 Come liberarsi del fumo bianco dallo scarico? Procedere come segue: 
  1. Controllare il livello del liquido di raffreddamento nel serbatoio. La sua netta diminuzione indica che la capacità di tenuta dell’impianto di raffreddamento è carente.
  2. Ispezionare il vano motore: spesso si rilevano perdite all’incrocio tra il blocco motore e la testa del cilindro.
  3. Controllare il serbatoio del liquido di raffreddamento. La presenza di olio al suo interno è un segno indiretto della perdita di tenuta della guarnizione della testata e, insieme al fumo bianco, può indicare che il liquido refrigerante penetra nelle camere di combustione del motore.
  4. Ispezionare il bocchettone di riempimento dell’olio. Non deve essere ricoperto di schiuma bianca.
  5. Se viene rilevato almeno uno dei segni di cui sopra, portare l’auto in un’officina per farla diagnosticare professionalmente. Come parte della riparazione, sarà necessario sostituire la guarnizione della testa del cilindro e, possibilmente, rettificare le superfici di contatto del blocco motore e della testa del cilindro.
  6. Se non si presentano problemi con il sistema di raffreddamento, provare ad utilizzare un’altra stazione di servizio per il rifornimento carburante..
  7. Controllare se il serbatoio del carburante è a tenuta stagna. Fare riparare o sostituire il serbatoio, se necessario.
Fumo bianco proviene dallo scarico

Se la mia auto emette fumo bianco, posso continuare a guidarla?

No, non è possibile. Non rimandare mai la risoluzione dei problemi: il refrigerante, se mescolato con l’olio, lo diluisce, compromettendo le proprietà lubrificanti di quest’ultimo. Ciò può portare alla distruzione delle parti in movimento del motore. Pertanto, anche solo per raggiungere un’officina, si consiglia di chiamare un camion di recupero mezzi.

A volte il fumo bianco fuoriesce da sotto il cofano. Questo può essere il segno di surriscaldamento del liquido refrigerante bollente e del motore, nonché della perdita di tenuta del radiatore o delle sue tubazioni. In questo caso, arrestare immediatamente l’auto e lasciare raffreddare il motore. Quindi ispezionare l’impianto di raffreddamento per individuare eventuali perdite. Se si rilevano gravi perdite, la guida è successivamente vietata.

Perché la mia auto emette fumo di colore nero?

La coltre spessa di fumo nero proveniente dal tubo di scarico è il segno di una miscela aria-combustibile troppo ricca. Questo può essere causato da un filtro dell’aria ostruito, a causa del quale viene fornita meno aria al motore, malfunzionamenti della pompa del carburante o del regolatore, che si traduce in un aumento della pressione nella tubazione del carburante.

 Se avete notato il problema, seguite questi passaggi: 
  1. Misurare la pressione dell’impianto di alimentazione del carburante con un manometro.
  2. Controllare gli iniettori. Per fare questo, utilizzare un multimetro per misurare la loro resistenza e confrontare i valori ottenuti con quelli nominali. Per una diagnosi più dettagliata, che dovrebbe essere eseguita su un apposito supporto, portare l’auto in un’officina.
  3. Assicurarsi che i sensori di ossigeno funzionino correttamente. In primo luogo, verificare che i sensori siano collegati saldamente ai terminali. Pulire i terminali, se necessario. Smontare il componente e ispezionarlo. La presenza di depositi sul tubo di protezione del componente indica la necessità di sostituirlo.
  4. Accendete l’auto. Collegare le sonde multimetro al circuito di raffreddamento. La tensione deve essere di 12 V.
  5. Collegare le sonde al cavo di segnale e alla massa del telaio. La lettura del multimetro deve essere di 0,45 V.
  6. Rimuovere il connettore dal dispositivo. Misurare la resistenza tra i terminali del riscaldatore. Le letture possono variare a seconda del tipo di sensore, ma non devono superare i 2-10 Ohm.
  7. Installare il nuovo sensore in sostituzione di quello difettoso.
  8. Se si dispone di un’auto diesel, avviare la modalità di rigenerazione del filtro antiparticolato diesel.
  9. Nei veicoli diesel, una coltre spessa di fumo nero può essere causata dal filtro antiparticolato intasato.
Mia auto emette fumo di colore nero

Posso continuare a guidare se c'è del fumo nero proveniente dallo scarico?

Se l’auto sta emettendo fumo nero, dovreste risolvere il problema il più presto possibile. Infatti, la miscela aria-combustibile troppo ricca brucia più lentamente del solito, il che porta al surriscaldamento locale degli elementi del motore. Inoltre, una parte delle finiture del carburante brucia nella marmitta, il che comporta il rischio di urto del motore e la distruzione del catalizzatore. Le candele di accensione si guastano prima del solito. Nel corso del tempo, gli elementi dell’impianto di scarico possono bruciare. A volte il motore è bloccato.

Perchè fuoriesce del fumo blu dal mio scarico?

Se c’è fumo blu dallo scarico, questo indica che l’olio entra nelle camere di combustione. Ciò è solitamente causato dall’usura delle parti del gruppo pistone-cilindro, dall’incollamento delle fasce elastiche del pistone, dalla distruzione delle guarnizioni dello stelo della valvola e dall’uso di olio con viscosità inappropriata.

 Ecco cosa dovete fare: 
  1. Assicuratevi che nel vostro impianto di lubrificazione venga utilizzato l’olio corretto. In caso contrario, sostituirlo effettuando anche un lavaggio dell’impianto.
  2. Misurare la compressione nei cilindri del motore. Se non è sufficiente, si perde la tenuta delle camere di combustione. Sarà necessaria una diagnosi più approfondita.
  3. Portate la vostra auto in un’officina meccanica: spesso la situazione in cui l’auto emette fumo blu indica la necessità di effettuare una revisione del motore; è impossibile eseguirla senza l’aiuto di specialisti.
Fumo blu dal mio scarico

Cosa succede se continuo a guidare anche quando c'è del fumo blu proveniente dal motore?

Il fumo blu stesso è un segno di difetti esistenti. Ma se posticipate la risoluzione del problema, la situazione non farà che peggiorare. Ad esempio, cambiando per tempo le guarnizioni dello stelo della valvola e le fasce elastiche dei pistoni, si possono evitare grossi problemi. Ma se si posticipa la loro sostituzione, i pistoni possono bruciare, il che comporta costi molto più elevati.

Conclusione

I fumi provenienti dal tubo di scarico indicano quasi sempre malfunzionamenti nei vari sistemi del veicolo. Non si può trascurare questo segno. Dopo tutto, prima si risolvono i guasti, meno danni si causano alla vostra auto.

[Voti: 0   Media: 0/5]