eCall Auto: a Cosa Serve Questa Funzione e Cosa fa

Ecall Auto

Il più recente sistema di sicurezza eCall è in grado di contattare automaticamente i servizi di emergenza qualora il veicolo sia coinvolto in un incidente stradale.

L’Unione Europea ha introdotto la presenza obbligatoria del dispositivo di sicurezza eCall in ogni nuovo modello di auto e veicolo commerciale che viene omologato per la vendita sul mercato europeo a partire dal 2018. Nonostante le possibili divisioni riguardo la necessità o meno di dotare i veicoli di nuova fabbricazione di tale sistema, è innegabile che un approccio unificato sulla sicurezza dei veicoli abbia consentito di introdurre un livello di sicurezza dell’auto che, soltanto pochi anni fa, sarebbe stato del tutto impensabile. Nel corso del tempo, la produzione di auto nuove in vendita in tutta l’Europa ha previsto gradualmente l’inserimento per legge di misure di sicurezza quali airbag, freni antibloccaggio e controllo elettronico della stabilità.

La normativa in materia di sicurezza non si è certo fermata: oltre alla frenata d’emergenza autonoma anche il sistema di assistenza d’emergenza eCall è ormai diventato una caratteristica standard delle nuove auto. Abbreviazione di Emergency Call, eCall è un sistema che provvede a chiamare automaticamente i servizi di emergenza se il veicolo su cui è montato è coinvolto in un incidente. Il dispositivo eCall è standard solo sulle auto nuove di zecca omologate, come precedentemente accennato, a partire da aprile 2018 e non viene obbligatoriamente adattato alle gamme di modelli esistenti a meno che una casa automobilistica non lo ritenga un’aggiunta utile.

Il sistema eCall è un miglioramento del precedente funzionamento delle chiamate d’emergenza. Il numero di emergenza standard è il NUE 112 (numero di emergenza unico europeo uno-uno-due), ma ulteriori sviluppi hanno visto l’introduzione del cosiddetto E112. Si tratta di un numero che può inviare automaticamente informazioni sulla posizione ai servizi di emergenza in caso di chiamata da un telefono cellulare, avvalendosi dei servizi di localizzazione GPRS attraverso la rete telefonica. eCall si basa ulteriormente su E112, essendo in grado di telefonare automaticamente ai servizi di emergenza con informazioni di localizzazione GPS basate sul satellite, oltre a poter includere dettagli sull‘eventuale attivazione degli airbag dell’auto. In questo modo vengono preparati i servizi per il tipo di incidente verificatosi.

Che cos’è il sistema eCall

Ecall Auto

eCall è un sistema che fornisce un messaggio ai servizi di emergenza in seguito ad un incidente stradale che include il luogo preciso dell’incidente. Abbiamo già parlato di eCall come servizio che effettua solo chiamate di emergenza e come funziona: ricordiamo dunque che eCall a bordo del veicolo è una chiamata di emergenza che può essere eseguita manualmente dai passeggeri del veicolo tramite un pulsante (ad esempio il pulsante SOS) all’interno della vettura o automaticamente mediante l’attivazione dei sensori di bordo qualora si verifichi un grave incidente stradale. Quando viene attivato, il dispositivo eCall di bordo genera una chiamata di emergenza che trasmette sia la voce che i dati direttamente al centro di emergenza più vicino. La chiamata vocale permette agli occupanti del veicolo di comunicare con un operatore eCall qualificato, al quale verrà contemporaneamente inviata una serie minima di dati (MSD), contenenti informazioni statistiche sull’incidente, quali l’ora precisa, l‘esatta posizione, la direzione di marcia, l’identificazione del veicolo, lo stato del dispositivo eCall (almeno l’indicazione se il dispositivo sia stato attivato manualmente o automaticamente), oltre ad informazioni riguardanti un possibile fornitore di servizi.

In caso di incidente grave in una zona remota, può passare del tempo prezioso prima che l’incidente venga segnalato. Anche i passanti o i passeggeri hanno difficoltà a segnalare la posizione esatta del veicolo incidentato. Il sistema eCall installato nel veicolo può ovviare a questi problemi inviando un segnale di emergenza che diventa un messaggio automatico (in un formato standardizzato a livello europeo) contenente la posizione del veicolo sulla base di un dispositivo di localizzazione GPS (Global Positioning System) incorporato. Il messaggio verrà inviato al “Public Safety Answering Point (PSAP)” (vigili del fuoco, polizia o centralino dell’ambulanza), in cui viene presa una decisione in merito alla risposta appropriata per la segnalazione. Dal momento che il tempo è essenziale in questo tipo di emergenze, il processo permetterà di risparmiare tempo prezioso. I Public Safety Answering Points non sono ancora impostati e attrezzati per ricevere il messaggio nel formato europeo standardizzato in tutti i Paesi europei.

I problemi di sicurezza stradale affrontati dai sistemi eCall

Questi sistemi mirano a ridurre il tempo che intercorre tra il momento in cui si verifica l’incidente e quello in cui vengono forniti i servizi medici. Ciò significa che le ambulanze, i vigili del fuoco e la polizia possono intervenire il più rapidamente possibile entro la prima ora successiva all’incidente, duante la quale le possibilità di sopravvivenza risultano ancora alte. L’obiettivo è quello di ridurre gli effetti derivanti dalle lesioni evitando così decessi e menomazioni. Uno studio svedese sulle possibilità di sopravvivenza nel caso di incidenti stradali mortali ha concluso che il 48% di coloro che sono deceduti hanno subito lesioni irreversibili. Del gruppo di coloro che invece hanno riportato lesioni reversibili, il 5% non è stato localizzato in tempo per evitare il decesso, il 12% avrebbe potuto sopravvivere se fosse stato trasportato più rapidamente in ospedale e un altro 32% avrebbe potuto salvarsi se fosse stato portato rapidamente in un centro traumatologico avanzato. Inoltre, molti fornitori di servizi di emergenza possono ricevere diverse chiamate per ogni incidente, per il quale potrebbero dover rispondere più volte e si prevede che eCall possa consentire loro di gestire le risposte in modo più efficace.

Efficacia di una eCall

La Commissione europea ha valutato che l’eCall permette una riduzione del tempo di risposta agli incidenti di circa il 50% nelle aree rurali e del 40% nelle aree urbane. Nel momento in cui l’assistenza medica per i feriti gravi è tempestivamente disponibile sulla scena dell’incidente, il tasso di mortalità e la gravità di traumi e lesioni possono essere significativamente ridotti.

Modelli di eCall

Ecall Auto

Tre sono i modelli principali che rappresentano le principali caratteristiche nel funzionamento di eCall. Le principali differenze fra i modelli consistono nelle seguenti caratteristiche:

  • i Tutte le eCall vengono indirizzate o meno allo stesso PSAP
  • i Le eCall automatiche a quelle manuali vengono indirizzate o meno allo stesso PSAP
 Modello 1: 

eCall indirizzate come chiamate al 112. Ciò significa che il PSAP (Public Safety Answering Point) più appropriato riceve le chiamate 112 e le eCall.

 Modello 2: 

eCall indirizzate ad un PSAP destinato esclusivamente alle eCall. In questo caso le chiamate 112 continuano ad essere inoltrate al PSAP del 112. Le eCall vengono identificate nella rete grazie al “eCall flag”, ovvero un contrassegno indicante che non si tratta di una normale chiamata d’emergenza, ma piuttosto di una “eCall”. Questo permette agli operatori di rete mobile di inoltrare la chiamata di conseguenza. Uno Stato membro può scegliere di affidare la ricezione di una eCall a una terza parte invece che ad un’autorità pubblica. In questo caso, il servizio eCall vasato sul 112 non sarà gestito da un’autorità pubblica, bensì da una società privata.Modello 3: le eCall attivate manualmente e le eCall attivate automaticamente vengono indirizzate a PSAP differenti. Può trattarsi dello stesso PSAP , ovvero un PSAP che riceve un’eCall attivata manualmente può anche essere lo stesso PSAP che riceve le chiamate tradizionali al 112.

    La Sua pagina del profilo è il Suo assistente personale

    Annota le spese dell’auto, con registro e programma di sostituzione, salva materiali preferiti, appunti e documenti